Caffè decaffeinato: lo sai che…

caffè decaffeinato

Conosciamo da vicino il caffè decaffeinato e scopriamo tutte le caratteristiche e le controindicazioni di questa particolare preparazione della bevanda più amata da italiani e non.

Che cos’è il caffè decaffeinato?

Il caffè decaffeinato è, come suggerito dalla parola stessa, il caffè privo di caffeina. Per attribuire tale caratteristica alla bevanda nera, nel corso degli anni sono state messe in pratica molteplici strategie cercando di mantenere aroma e gusto inalterati.

Per garantire un risultato ottimale vi sono 3 differenti procedimenti tra quelli più in uso:

Procedura con solvente organico

Modalità più antica che effettua la “deffeinizzazione” immergendo i chicchi di caffè in acqua al fine di farli aumentare di volume per poter poi estrarne la caffeina mediante una procedura di lavaggio ad immersione in un solvente organico

Procedura con anidride carbonica

Si tratta di un processo complesso, ma allo stesso tempo è il più utilizzato. I chicchi vengono sottoposti ad un trattamento a base di vapore ed in seguito immessi in speciali cilindri nei quali viene poi irrorata anidride carbonica. L’anidride carbonica a seconda di specifiche temperatura e pressione procede all’estrazione della caffeina. Tale modalità evita il ricorso ad additivi e sostanze che potrebbero nuocere alla salute ed alterare aroma e gusto del caffè decaffeinato.

Procedura con acqua

Viene definito metodo naturale in quanto i chicchi vengono a contatto con acqua calda che viene di seguito filtrata mediante l’utilizzo di carboni attivi che riescono a bloccare la presenza della caffeina. In questo caso si può avere la perdita di alcune proprietà organolettiche del caffè.

Scegliere o non scegliere il caffè decaffeinato?

Il caffè decaffeinato mostra alcune caratteristiche specifiche che sono:

  • Non è eccitante
  • Non provoca insonnia
  • È facilmente digeribile e non provoca reflussi
  • È adatto a chi soffre di diabete
  • Non incrementa i valori del colesterolo cattivo
  • Inibisce l’assorbimento del glucosio contrastando il diabete

Solitamente chi ricorre al consumo di caffè decaffeinato lo fa per evitare alcune “complicazioni” o conseguenze legate all’assunzione di caffeina: nervosismo, insonnia, innalzamento della pressione e tachicardia.

È vero che il consumo di questa variante al classico “espresso” è in fase di crescita, ma è altresì vero che i grandi appassionati non tramontano e continuano a godersi le loro tazzine quotidiane.

È vero che il caffè decaffeinato nuoce alla salute?

Cerchiamo di sfatare questo falso mito specificando che:

  • I procedimenti di “decaffeinizzazione” non sono nocivi
  • Le procedure di estrazione della caffeina sono effettuate rispettando gli standard legati alla salute
  • I procedimenti avvengono sui chicchi ancora crudi, quindi nel momento della tostatura i residui di solvente evaporano
  • La modalità di estrazione che utilizza i solventi è in fase di abbandono.

Quindi?

Potete bere il caffè decaffeinato senza alcun rischio per la vostra salute!

Vieni a scegliere il tuo preferito 😊

Ci trovate in:

  • Via Verrotti 226 a Montesilvano
  • Via Nicola Fabrizi, 159/2 a Pescara
  • Piazza del Carmine, 3 a Sulmona
  • Via Mare Adriatico, 20 a Spoltore

Per maggiori info: 085 4170427 – info@chiccoff.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.